Abstract intervento al DBAABR – II tempo (18-19 settembre 2021)

Lucia Morelli

Laureata in Storia dell’Arte presso l’Università degli Studi di Pisa, Presidente Associazione culturale Venti d’Arte

La Media Valle del Serchio. Borghi sopravvissuti e Borghi dimenticati. I casi di Lucchio, Bugnano e Bacchionero

Il territorio della Media Valle del Serchio si evidenzia come bene culturale complesso, inteso come insieme di elementi naturali, stratificazioni storiche e culturali, testimonianze architettoniche e urbanistiche, ed è storicamente incardinato sull’accentramento sotto forma di castelli e piccoli villaggi.

La crisi del sistema agrario montano, nel corso del XIX secolo, l’abbandono dei terreni e l’impoverimento delle risorse, ha comportato l’avvio di un isolamento geografico che, ancora oggi, insiste pesantemente su questi territori.

Nei decenni il progressivo spopolamento dei borghi ha avuto conseguenze rilevanti a vario livello: antropologico, sociale, geologico, economico, andando anche a costituire un importante vuoto di memorie, fondamentali, queste ultime, alla conoscenza delle identità dei territori.

Attraverso un sistema di ricerca che metta insieme elementi di cultura materiale, tra cui le evidenze relative all’architettura vernacolare, ed elementi relativi alla cosiddetta cultura immateriale, deducibile anche dalle testimonianze degli ultimi, è possibile ricostruire microcosmi di vita che, ad oggi, non esistono più. L’intervento prende in esame tre Borghi della Media Valle: Lucchio, a rischio abbandono con i suoi 33 abitanti (Istat 2011); Bugnano e Bacchionero, borghi abbandonati. Solo comprendendo appieno i palinsesti stratificati degli insediamenti, è possibile tracciare linee guida per la rigenerazione e per l’eventuale messa in pratica di nuove forme di valorizzazione e recupero.

__________

Al termine dell’intervento verrà proiettato un breve video a tema, girato dal prof. Gianluca Paoletti Barsotti, Dottore di ricerca in storia delle Arti Visive e dello Spettacolo presso l’Università degli Studi di Pisa.